Segui Eutelsat Italia

​Eutelsat rinnova l’impegno con Télécoms Sans Frontières

Comunicato stampa   •   ago 31, 2016 10:12 CEST

Da 10 anni a sostegno del ripristino di connettività durante le situazioni d’emergenza in tutto il mondo

Eutelsat Communications, uno dei principali operatori satellitari globali e Télécoms Sans Frontières (TSF), una ONG specializzata in telecomunicazioni d’emergenza, hanno rinnovato la partnership stretta nel 2007. Il prolungamento dell’accordo e i termini delle collaborazioni future sono stati discussi ieri, presso il quartier generale di Eutelsat, a Parigi, da Rodolphe Belmer, CEO di Eutelsat e Jean-François Cazenave, Presidente di TSF insieme a Monique Lanne-Petit, Direttore dell’Organizzazione.

TSF: attiva in più di 70 paesi per oltre 800 organizzazioni umanitarie
Basata a Pau, in Francia, e attiva anche nelle sue strutture in Messico e Tailandia, TSF è un’organizzazione non governativa specializzata nel ripristino dei servizi di comunicazione in situazioni critiche - quando le reti terrestri sono inagibili - e nella fornitura di collegamenti in zone estremamente remote. A 24 ore da una crisi, TSF è in grado di raggiungere la zona colpita ovunque al mondo e allestire un centro di telecomunicazione e un’infrastruttura IT idonea alle unità di crisi in cui il satellite è al centro delle tecnologie impiegate. Sin dalla sua fondazione nel 1998, TSF è intervenuta in più di 70 paesi, supportando il lavoro di oltre 800 organizzazioni umanitarie.

10 anni di partnership
Il solido legame stretto con Eutelsat da più di 10 anni ha permesso a TSF di utilizzare le risorse e le tecnologie satellitari dell’operatore globale per portare connettività flessibile ed immediatamente attiva nelle aree affette da situazioni d’emergenza. Il supporto di Eutelsat alle missioni di TSF è stato intensificato dalla crisi migratoria che ha coinvolto Europa e Medio Oriente. Al fine di rispondere alle esigenze di connettività delle organizzazioni umanitarie che lavorano sul campo, come Save the Children, UNICEF, Medici Senza Frontiere e Oxfam, sono state installate una dozzina di parabole in 7 centri per rifugiati in Grecia, Serbia e Macedonia. I terminali satellitari a banda larga, semplici da trasportare in volo e facili da installare in pochi minuti su un sito, hanno permesso una più rapida condivisione delle informazioni tra le ONG e migliorato la cooperazione tra tutti gli attori coinvolti anche in zone più lontane.

Commenti (0)

Aggiungi commento

Commento

By submitting the comment you agree that your personal data will be processed according to Mynewsdesk's Privacy Policy.