Segui Eutelsat Italia

Una facile lezione per chiudere il gap banda larga nelle scuole europee

Post   •   ott 11, 2017 10:23 CEST

Photo credit: iStock

L’ultimo studio della Commissione Europea sulla banda larga via satellite nelle scuole fornisce risposte su come aumentare il numero delle scuole connesse

L’apprendimento digitale guadagna sempre più terreno, ma senza l’accesso a banda larga nelle scuole il suo ampio potenziale rimane inespresso.

Sono ancora troppe le scuole in Europa non collegate ad internet e in particolare le elementari, di cui il 25% risultava ancora privo di banda larga nel 2016. Particolarmente svantaggiate sono le scuole nelle aree rurali non raggiunte da banda larga fissa o mobile. Queste scuole e le autorità locali spesso non conoscono le opzioni disponibili per accedere alla banda larga, c’è un numero limitato di iniziative istituzionali di supporto e manca la comprensione delle opzioni di finanziamento, compresi i sistemi voucher.

La Commissione Europea ha affrontato questo deficit di conoscenza come punto principale dello studio di fattibilità per la banda larga via satellite nelle scuole nell’ambito del progetto BROSS (BROadband Satellite for Schools). Il nuovo studio, realizzato da Acreo, Airbus, 2thePoint Consulting ed Eutelsat, ha tracciato le attuali lacune e fatto una previsione della disponibilità di banda larga per le scuole europee. Le conclusioni affermano che la banda larga satellitare può essere un’opzione semplice per le scuole scarsamente connesse a condizione che Conoscenza, Coordinamento e Prezzo vengano opportunamente indirizzati.

I principali vantaggi della banda larga via satellite

La banda larga via satellite presenta diversi vantaggi per la moltitudine di scuole escluse dalle retri terrestri. Tra questi:

- Certezza della qualità del servizio ovunque, indipendentemente dalla posizione geografica
- Installazionesemplice e rapida
- Costi di distribuzione efficienti
- Elevata affidabilità e sicurezza 

Un rapporto basato su casi di studio

Esempi registrati in Francia, USA, Messico, Italia, Regno Unito, Irlanda, Spagna e Turchia vengono affrontati nella relazione. Vengono analizzati progetti come “École Connectées”, iniziativa francese sviluppata come parte del piano “France Très Haut Debit” e “ONE CLASS! Open Network for Education”, progetto attualmente in corso in Italia sotto la supervision dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA).

Un vero programma e-learning

Al fine di offrire una panoramica completa su cosa devono fare le scuole per superare l’esclusione dal mondo online, lo studio ha identificato meccanismi di supporto che vanno oltre il semplice accesso alla banda larga e comprendono supporto, training e soluzioni personalizzate. Il rapporto mostra inoltre come i satelliti siano in grado di combinare la connettività a banda larga point-to-point con i contenuti multi-casting per archiviare localmente librerie digitali di contenuti interattivi video, e book, testi digitali, simulazioni o giochi per l’apprendimento, mappe interattive, software e una serie di altri strumenti didattici.

Soluzioni voucher: un’opzione pronta all’uso

I sistemi voucher sono uno strumento di finanziamento efficiente per stimolare la domanda di servizi prioritari Un sistema di voucher basic può coprire il costo fisso dei terminali satellitari e dell’installazione, nonché i costi mensili ricorrenti per un periodo limitato (ad esempio 24 mesi), rappresentando la soluzione più semplice e veloce rispetto agli acquisti tradizionali che richiedono un investimento anticipato.

Per saperne di più sul progetto BROSS e sullo Studio di Fattibilità, visitate il sito della Commissione Europea: https://ec.europa.eu/digital-single-market/en/news/results-satellite-broadband-schools-study

Commenti (0)

Aggiungi commento

Commento