Segui Eutelsat Italia

Rapporto Video Industry 2016: Focus sull'Ultra HD

Post   •   mag 31, 2017 09:22 CEST

La questione non è più se l’Ultra HD diventerà un servizio mainstream, ma piuttosto quando

L’ultimo sondaggio condotto da Eutelsat sull’industria del broadcasting si concentra sull’Ultra HD, con un’approfondita panoramica sui punti di vista dei principali player riguardo quest’innovativo formato di trasmissione che è in continua evoluzione. Ci parla del Rapporto Video Industry 2016 Claudia Vaccarone, Direttrice Studi di Mercato & Customer Experience di Eutelsat.

Perché il Rapporto Video Industry di Eutelsat è così prezioso per il settore broadcast?

Claudia: Il Rapporto Video Industry è un sondaggio annuale indipendente, che interroga i protagonisti dell’industria broadcast da due anni, con l’obiettivo di captare le tendenze di mercato del nostro ecosistema a livello globale. Viviamo in un’epoca molto dinamica, caratterizzata da continui formati tecnologici innovativi e da modelli di business in continua evoluzione. Usare uno strumento sistematico è un modo per capire come gli esperti del settore percepiscono i trend dell’industria. Migliorando costantemente la nostra comprensione siamo quindi in grado di alimentare il dialogo con l’industria e promuovere un settore broadcast più forte per tutti.

In che modo gli intervistati hanno partecipato al sondaggio?

Claudia: Il sondaggio è somministrato online per semplificarne e ottimizzarne la gestione. È stato proposto ai nostri clienti e promosso attraverso diversi canali in rete per raggiungere il maggior numero di partecipanti che appartengono a diverse categorie business del settore. Quest’anno abbiamo raccolto le risposte di oltre 120 top manager delle principali realtà, un campione rappresentativo dell’intera catena di valore: dalla produzione dei contenuti alla distribuzione, le piattaforme pay-TV, gli operatori via cavo e IPTV, i canali in chiaro etc. Abbiamo inoltre raggiunto una vasta rappresentazione geografica: 38 nazionalità in tutto il mondo.

Quali sono i trend chiave che il rapporto mette in evidenza?

Claudia: L’edizione Ultra HD 2016 mette in netta evidenza diverse tendenze del settore:

1. L’Ultra HD è oggi un formato assodato per il 66% dei provider del comparto broadcast intervistati, i quali stanno già fornendo servizi Ultra HD o prevedono di lanciarli nei prossimi 5 anni. La questione non è più se l’Ultra HD diventerà un servizio mainstream, ma piuttosto quando...

2. Oggi sappiamo che degli 84 canali e servizi in Ultra HD lanciati in tutto il mondo, la metà sono trasmessi via satellite e l’altra metà distribuiti ai telespettatori per via terrestre (principalmente via streaming o IPTV). Tuttavia, il 42% degli intervistati ha indicato il satellite come la piattaforma ideale per evidenti ragioni strutturali: il satellite è la tecnologia più efficiente per raggiungere un’audience più vasta possibile con un segnale stabile e una copertura che continua a superare i limiti delle piattaforme terrestri.

Inoltre, il Rapporto include approfondimenti sui modelli di business più rilevanti per il lancio di servizi Ultra HD sostenibili; sulla disponibilità di contenuti e sul gradimento degli standard per l’HDR.

Scarica il Rapporto per leggere tutti i risultati

Commenti (0)

Aggiungi commento

Commento